Dettagli sulla chirurgia dell’alluce valgo MICA

sfondo
La tecnica “MICA” è nata da una collaborazione tra il chirurgo ortopedico britannico David Redfern e il chirurgo francese Joel Vernois, che hanno inventato e introdotto la tecnica nel Regno Unito e in Francia nel 2008.
Sono stato uno dei primi chirurghi in Italia ad adottare questa tecnica per i miei pazienti e ad oggi ho eseguito più di 600 casi.

Cos’è la MICA?
MICA sta per “Minimally Invasive Chevron Akin”, si tratta di un intervento chirurgico minimamente invasivo che il dott. Redfern ha creato insieme al suo collega francese, per correggere l’alluce valgo sintomatico.
Uno dei sintomi principali che danno dolore persistente sono le borsiti dell’alluce.

Cosa sono le borsiti?
L’alluce valgo é caratterizzato da una prominenza ossea all’interno del piede. L’infiammazione che si crea a questo livello viene definita Borsite. Quando ciò accade, l’alluce tende progressivamente a inclinarsi verso il secondo dito. Il termine medico per questa condizione è alluce valgo.
Una borsite si verifica quando il I metatarso che costituisce l’alluce si sposta dal normale asse di allineamento. Si tratta di un rischio prevalentemente ereditario, dovuto alla struttura dell’osso e delle articolazioni nell’area, e generalmente non è causato da calzature con tacco alto (sebbene ciò possa accelerare i problemi di alluce valgo).
Le borsiti spesso si creano perchè sfregando la cute all’interno delle scarpe si infiamma causando infiammazione (arrossamento) e dolore.

Tecnica-mininvasiva-per-alluce-valgo-MICA_dott-Gianluca-Falcone_

Non tutte le borsiti sono dolorose, alcune persone possono avere anche grandi borsiti ma senza molto dolore. L’angolazione dell’alluce può anche causare pressione sul secondo dito, che può anche deformarsi (dito a martello). In alcuni casi, le prime due dita si incroceranno, il che può causare dolore indossando le scarpe.

La decisione se operare su un alluce valgo è generalmente motivata dal dolore che prova il paziente e dalla limitazione ad indossare delle calzature. E’ importante che questo sia valutato da un chirurgo ortopedico esperto specializzato in queste problematiche. L’intervento deve essere delicato ma allo stesso tempo molto preciso, in quanto la meccanica del piede è molto precisa e implacabile.

Cosa causa l’alluce valgo?
L’alluce valgo è un problema che si tramanda in famiglia. In altre parole, esiste un forte legame genetico e la maggior parte delle persone con alluce valgo ha un familiare con lo stesso problema. Circa 1/3 della popolazione svilupperà l’alluce valgo a un certo punto della vita, quindi è un problema molto comune.

Anche le calzature strette possono essere importanti ed è probabile che ciò contribuisca allo sviluppo dell’alluce valgo nelle persone che sono già geneticamente a rischio. Questo probabilmente spiega perché la condizione è molto più comune nelle donne rispetto agli uomini. In altre parole, le scarpe con i tacchi alti e le scarpe a punta non sono la causa principale del problema, ma tali calzature possono accelerare la condizione.
Altre cause dell’alluce valgo includono lesioni, artrite e squilibrio muscolare.

Quali sono le alternative alla chirurgia?
Circa la metà di tutti i malati di alluce valgo non ha bisogno di un intervento chirurgico. Lo scopo del trattamento non chirurgico è alleviare la pressione sull’ alluce valgo e cercare di prevenire lo sviluppo di piaghe da decubito e ulcere.

In alcuni casi, scarpe comode e ben aderenti sono sufficienti per alleviare il dolore. In alcuni casi, un podologo può essere in grado di curare i sintomi tramite una suola interna alla scarpa.

Ci sono molte stecche, cuscinetti e cuscini in commercio che possono aiutare ad alleviare i sintomi, anche se nessuno di questi correggerà realmente il problema dell’alluce. Per questo è necessario l’intervento chirurgico.

“Nient’altro che la chirurgia può correggere un alluce valgo.”

Perché sottoporsi alla chirurgia MICA?
La chirurgia è necessaria quando l’alluce valgo è doloroso e non può essere adeguatamente gestito non chirurgicamente. Questa è una decisione presa al meglio con un chirurgo esperto del piede e della caviglia che meglio di ogni altro medico può descrivere i pro e contro della chirurgia.

Il principio della chirurgia di correzione dell’alluce è riallineare le ossa, abolire la protuberanza e creare un alluce dritto. Ciò comporta il taglio e il riallineamento delle ossa.

Ecco un’animazione dell’operazione di borsite MICA. Questa operazione è ora utilizzata in tutto il mondo per il trattamento dell’alluce valgo e rappresenta lo stato dell’arte della moderna chirurgia.

La principale differenza tra la tradizionale correzione chirurgica “aperta” dell’alluce valgo (come “Chevron” e “SCARF”) e la tecnica MICA è la strumentazione utilizzata per tagliare e riallineare le ossa.

Nella chirurgia tradizionale a cielo aperto, una grande sega oscillante viene utilizzata per tagliare le ossa, questo richiede una grande incisione e la rimozione del tessuto molle dall’osso per eseguire i tagli e il riallineamento osseo necessari.

Nella tecnica mininvasiva d, viene utilizzato un piccolo trapano (2 mm) per tagliare le ossa. Poiché è così piccolo, può essere inserito attraverso minuscole incisioni e le ossa saranno tagliate sotto la guida dei raggi X senza grandi incisioni e lo stripping dei tessuti molli coinvolti nelle tecniche tradizionali. Ciò lascia l’articolazione dell’alluce indenne dall’intervento e dall’apporto di sangue intatto.

Le ossa vengono tagliate, riallineate e quindi mantenute nella posizione corretta utilizzando viti appositamente progettate che si trovano a filo con l’osso e non possono essere percepite dal paziente. Queste viti assicurano che le ossa rimangano nella posizione corretta mentre guariscono.

La chirurgia dell’alluce valgo ha la reputazione di essere molto dolorosa. Studi internazionali hanno mostrato un dolore significativamente inferiore con la tecnica MICA rispetto alle tecniche tradizionali. La maggior parte dei pazienti ha poco o nessun dolore dopo questa operazione. Ciò è dovuto a una combinazione di chirurgia miniinvasiva (sostanzialmente meno lesioni ai tessuti molli) e viti appositamente progettate per mantenere rigidamente le ossa ancorate nel loro nuovo allineamento. Viene comunemente utilizzato un blocco anestetico locale somministrato in sala operatoria durante l’anestesia e quindi quasi tutti i pazienti escono dall’intervento senza dolore.

Tecnica-mininvasiva-per-alluce-valgo-MICA_dott-Gianluca-Falcone

Informazioni generali sul recupero di paziente con intervento MICA
ANESTETICO:
• Operazione eseguita in anestesia generale e / o anestesia regionale

ELEVAZIONE:
• Il piede deve essere rigorosamente sollevato per 50 minuti ogni ora di ogni giorno per le 2 settimane successive all’intervento

• Non significa 50 minuti di elevazione e successivamente 10 minuti di corsa

• È bene alzarsi regolarmente ma cumulativamente, ogni ora si dovrebbero trascorrere 50 minuti con il piede sollevato sopra l’anca.

A PASSEGGIO:
Puoi camminare sul piede da subito, lo stesso giorno dell’intervento, ma solo con la scarpa chirurgica fornita e lentamente, con grande cura e attenzione, per proteggere il piede

È necessario indossare la scarpa chirurgica fornita in ogni momento quando si posiziona il piede operato sul pavimento, anche quando si va in bagno di notte. Molti pazienti tengono la scarpa a letto per le prime 2 settimane dopo l’intervento

Non puoi camminare sul piede senza la scarpa chirurgica

La scarpa chirurgica viene indossata per 4-6 settimane

Il piede deve essere mantenuto asciutto per le prime 2 settimane dopo l’intervento fino a quando non viene esaminato dal chirurgo.

GUIDA:
Non è possibile guidare dopo l’intervento per almeno sei settimane, a meno che non si abbia un veicolo automatico e l’intervento chirurgico subito non sia solo sul piede sinistro.

DOCCIA:
Può essere fatta solo indossando una copertura specifica per coprire il piede operato durante la doccia o il bagno per tenerlo asciutto

RIGONFIAMENTO:
Ci sarà gonfiore per 4-6 mesi dopo l’intervento chirurgico in quasi tutti i casi e questo può persistere in alcuni pazienti fino a un anno

SCARPE:
Il paziente può solitamente tornare alle proprie scarpe dopo la revisione da parte del chirurgo a 4- 6 settimane dall’intervento, ma la scelta delle scarpe sarà limitata per alcuni mesi a causa del gonfiore al piede.

In generale, le scarpe da ginnastica sono consigliabili in questa fase iniziale.

LAVORO:
Dovrai discuterne con il medico

Avrai bisogno di almeno 2 settimane di assenza dal lavoro e da altri impegni, ma probabilmente molto di più.

Se sei impiegato in un ruolo d’ufficio, potresti essere in grado di tornare al lavoro 2 o 3 settimane dopo l’intervento, sebbene ciò dipenda dalla tua occupazione e dal metodo di spostamento

In generale, sono necessarie 6 settimane di ferie per un lavoro che comporti lo stare in piedi o camminare (l’ospedale fornirà un certificato di malattia per le prime 4 settimane; ulteriori giorni di malattia possono essere ottenute dal medico di famiglia).

Se hai la struttura per lavorare da casa, questo sarà l’ideale dalla seconda settimana in poi fino a 6 settimane dopo l’intervento, quando la maggior parte dei pazienti (ma non tutti) riuscirà a tornare al proprio ruolo lavorativo.

FISIOTERAPIA:
La fisioterapia può essere uno strumento molto utile nel recupero dei pazienti dalla chirurgia dell’alluce valgo.

Di solito si programma per iniziare dopo il controllo svolto alla sesta settimana.
I fisioterapisti sono in grado di accelerare il processo di recupero aiutando a ripristinare un normale modello di deambulazione e mobilizzazione delle articolazioni del piede, oltre a contribuire a ridurre il gonfiore

Tecnica-mininvasiva-per-alluce-valgo-MICA_dott-Gianluca-Falcone_

Riepilogo delle istruzioni post-operatorie
Correzione dell’alluce valgo / alluce valgo MICA ProStep

Giorno 1 – 7
• Il piede è avvolto in una benda voluminosa e scarpa chirurgica Podalux

• Iniziare a camminare sul piede solo con la scarpa chirurgica piatta ma restare molto a riposo
• Aumentare l’attività motoria 50 minuti in più ogni giorno.

• Fare semplici esercizi al polpaccio da eseguire regolarmente (anti-TVP)

• Assumere farmaci antidolorifici per i primi 2 giorni come precauzione (anche se non è presente dolore)

• Probabile sensazione di intorpidimento del piede per circa 10-24 ore dall’intervento

• A volte può verificarsi fuoriuscita di sangue attraverso la benda – E’ importante non cambiare la benda

• Non rimuovere la scarpa chirurgica, nemmeno di notte

Giorno 7-14
• Non rimuovere la scarpa chirurgica, nemmeno di notte

• Rimanere molto a riposo

• Di solito la sensazione è di poco o nessun dolore. Assumere farmaci antidolorifici se necessario

• Aumentare di 50 minuti l’attività ogni giorno

• Mantenere il bendaggio asciutto e non rimuoverlo (non cambiare la medicazione se non indicato)

Settimane 2-4
• Follow-up nei pazienti ambulatoriali per la revisione della ferita e la rimozione dei punti di solito 10 – 14 giorni dall’intervento;

• Continuare a camminare solo indossando la scarpa chirurgica piatta fino a 6 settimane dopo l’intervento

• Importante: rimanere molto a riposo fino a 6 settimane dopo l’intervento

• Elevazione meno importante dopo le prime 2 settimane, ma necessaria comunque e sufficiente per ridurre al minimo il gonfiore

• Iniziare a muovere l’alluce con semplici esercizi

• Doccia e bagno consentiti proteggendo la medicazione

• Si può iniziare a guidare il veicolo con cambio automatico con cautela indossando la scarpa chirurgica SOLO SE l’intervento chirurgico ha riguardato il piede sinistro (altrimenti tornare a guidare a 6-8 settimane dopo l’intervento)

4-6 settimane
• Controllo in ambulatorio con rx

• Rimuovere la scarpa chirurgica se la radiografia è soddisfacente

• Può essere indossata una scarpa normale (dovrebbe essere ben imbottita e di supporto come una scarpa da ginnastica)

• Si consiglia di iniziare la fisioterapia in questa fase

Oltre le 8 settimane dopo l’intervento
• Continuare la fisioterapia

• Aumentare gradualmente l’attività quotidiana di settimana in settimana

• Non fare alcuna attività fisica fino a 8 settimane dopo l’intervento chirurgico, dopodichè è consentito fare un po’ di ciclismo e nuoto dolce.

• Divieto di corsa o tennis/racchetta (vietate le attività sportive traumatiche e/o con impatto) fino a 4 mesi dopo l’intervento chirurgico o per più tempo se consigliato dal medico.

Tecnica-mininvasiva-per-alluce-valgo-MICA_dott-Gianluca-Falcone

Principali rischi della chirurgia MICA
Quello che segue è un elenco di principali rischi di un intervento chirurgico. I rischi principali includono (ma non sono limitati a):

Gonfiore: inizialmente il piede sarà molto gonfio e dovrà essere sollevato. Il gonfiore si disperderà nelle settimane e nei mesi successivi, ma sarà evidente fino a 6-12 mesi.

Infezione – Questo è un rischio molto basso con questa operazione (<1%) ti verranno somministrati antibiotici per via endovenosa per aiutare la prevenzione. Tuttavia, il modo migliore per ridurre le possibilità di contrarre un'infezione è mantenere il piede sollevato durante i primi 14 giorni come indicato. Se c'è un'infezione, probabilmente si risolverà con un ciclo di antibiotici. Problemi alla ferita: è un rischio molto basso con questo tipo di operazione (<1%) Sensibilità alla cicatrice: questo è un rischio molto basso con questa operazione (1%) e molto più preoccupante con la chirurgia tradizionale a cielo aperto. Se le piccole cicatrici sono sensibili dopo l'intervento chirurgico, questo di solito scompare senza trattamento. Se si verifica una sensibilità persistente, questa può essere trattata. Lesione ai nervi - Il rischio che i piccoli nervi nell'area interessata possano essere danneggiati direttamente dal chirurgo è di circa l'1%. Tuttavia, i nervi possono essere contusi o infiammati dall'intervento come conseguenza del gonfiore (5%). Sebbene questo di solito si risolva, questo potrebbe causare un intorpidimento permanente nell'area dell'alluce, che potrebbe portare a causare irritazione (ma senza disturbi rilevanti nella maggior parte dei pazienti). CRPS - Questo sta per “sindrome del dolore regionale complessa” o algodistrofia. Si verifica raramente (meno dell'1% dei casi) e non è adeguatamente compreso quali siano le cause. Si pensa che sia un'infiammazione dei nervi del piede e può anche seguire un infortunio. Provoca gonfiore, sensibilità della pelle, rigidità e dolore. È curabile ma nella sua forma più grave possono essere necessari molti mesi per riprendersi. Correzione insufficiente o eccessiva - La stragrande maggioranza dei pazienti è soddisfatta della correzione ottenuta da questa operazione (circa il 95% dei pazienti è felice o molto soddisfatto del risultato). L'eccessiva correzione in cui l'alluce è troppo dritto (con un grande spazio tra l'alluce e il secondo dito) è generalmente meno ben tollerata della sotto-correzione e può richiedere a volte più interventi chirurgici. Il rischio che si verifichi una correzione insufficiente / eccessiva è di circa l'1%. Ritardata e mancata consolidazione - Questo si verifica quando le ossa sono lente a guarire / unirsi (ritardo di consolidazione) o non riescono a farlo (mancata consolidazione). Se questo provoca dolore, potrebbe essere necessario un ulteriore intervento chirurgico. Il rischio di ritardo di consolidazione è del 3%, di solito comporta che il piede rimanga gonfio e irritabile per 6-12 mesi invece dei soliti 5-6 mesi. Il rischio che le ossa non guariscano affatto (mancata unione) è di circa 1: 500 (molto meno dell'1%), ma se ciò si verifica è probabile che sia necessario un ulteriore intervento chirurgico. Trombosi venosa profonda (TVP): si tratta di un coagulo nelle vene profonde della gamba e il rischio che ciò si verifichi a seguito di un intervento chirurgico sull'avampiede è estremamente basso (molto meno dell'1% e probabilmente nella regione di 1: 1000) a meno che il paziente non ne abbia già avuti in passato o ci siano presenti altri fattori di rischio. Verrà eseguita una profilassi con eparina a basso peso molecolare. Il fatto che ci sia mobilità dopo l'intervento chirurgico e che si sia in grado di sopportare il peso attraverso il piede operato aiuta a ridurre al minimo questo piccolo rischio. Tuttavia, è sensato provare a muovere regolarmente le dita dei piedi e la caviglia dopo l'intervento chirurgico ed è anche ragionevole evitare un volo a lungo raggio nelle prime 8 settimane dopo l'intervento. Se si verifica una trombosi venosa profonda (TVP), sarà necessario un trattamento con farmaci per fluidificare il sangue per cercare di impedire che il coagulo raggiunga i polmoni (embolia polmonare / EP) che può essere molto più grave. Rigidità - Il rischio di rigidità dell'alluce dopo questo intervento è molto basso (meno del 5%) e può essere ridotto al minimo iniziando a muovere l'alluce dopo 2 settimane dall'intervento. La fisioterapia può anche essere utile dopo 6 settimane. Generalmente i pazienti riguadagnano il loro range di movimento preoperatorio e se c'è una certa rigidità persistente di solito non influisce in modo significativo sulla funzione o sulle calzature, ma potrebbe limitare l'altezza del tallone che può essere indossato. Recidiva - Questo rischio è minimo nella pratica mia, ma c'è un piccolo rischio di qualche recidiva. Questo rischio è di circa l'1% nell'esperienza mia negli ultimi 10 anni. Sintomi persistenti - La maggior parte delle persone (oltre il 90%) è molto soddisfatta dei risultati dell'intervento di alluce valgo, ma puoi capire che se si verificano alcuni dei problemi di cui sopra, ciò potrebbe influire sul risultato finale. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, eventuali sintomi nuovi o persistenti possono essere affrontati con un trattamento aggiuntivo, sebbene questo a volte richieda un ulteriore intervento chirurgico. Ulteriore intervento chirurgico - Questo non è routine ma può essere necessario per una serie di motivi (alcuni dei quali sono stati menzionati sopra). La causa più comune per richiedere un ulteriore intervento chirurgico è la rimozione di una vite che dà fastidio.