Frattura metacarpo e falangi

Una frattura della mano riguarda una rottura di una delle ossa della mano. Ciò include le piccole ossa delle dita (falangi) e le ossa lunghe all’interno del palmo (metacarpi). Una frattura della mano può essere causata da cadute, lesioni da schiacciamento, torsioni o da contatto diretto negli sport.

Nella maggior parte dei casi, una frattura della mano guarirà bene con un trattamento non chirurgico. A seconda del tipo e della posizione della frattura, ciò può includere l’uso di un gesso, una stecca o tutori per un certo periodo di tempo. Per fratture più gravi o per fratture che non si allineano correttamente, tuttavia, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per riallineare i frammenti di osso fratturati.

Anatomia
Le ossa in mano includono:

Falangi
Queste sono le piccole ossa che formano il pollice e le dita. Ci sono due falangi nel pollice e tre in ciascuna delle dita.
Metacarpo.
Queste sono le cinque ossa che si trovano nel palmo della mano.
La frattura più comune della mano è una frattura del quinto metacarpo, l’osso nella mano che sostiene il mignolo. Questo è comunemente chiamato “frattura del pugile” e coinvolge il “collo” dell’osso, vicino all’articolazione dell’articolazione. La frattura di un pugile è causata il più delle volte da un pugno o colpendo un oggetto duro quando la mano è chiusa in un pugno.

Fratture-metacarpi-e-falangi


Sintomi

Segni e sintomi di una frattura della mano possono includere:

Gonfiore
Ecchimosi
Tensione o dolore
Deformità
Incapacità di muovere il dito
Accorciamento
Il dito interessato inoltre tenderà a confliggere con il dito vicino durante la flessione delle dita.
In caso di frattura di un pugile, la nocca del paziente può sembrare infossata o ridotta. Ciò è causato dallo spostamento o dall’angolazione dell’estremità o della “testa” dell’osso metacarpale.

Frattura-metacarpo-e-falangi

 


dott-Gianluca-Falcone-medico-chirurgo-Roma

Dott. Gianluca Falcone

Specializzato in patologie e chirurgia di mano e polso Roma

LE CLINICHE IN CUI OPERO
Interventi erogati in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale.

 

Convenzioni con Compagnie di Assicurazione

 

Per un appuntamento presso gli Studi di Roma, Avezzano (Abruzzo) e Reggio Calabria:

Prenota una visita


Esame fisico
Il medico chiederà informazioni sui sintomi ed eseguirà un attento esame delle dita e della mano. Durante l’esame, cercherà:

Gonfiore o lividi
Deformità
Sovrapposizione delle dita
Tagli o lacerazioni sulla pelle intorno alla lesione
Stabilità articolare
Intorpidimento delle dita, un segno di possibili danni ai nervi

In genere, il medico valuterà i tendini della mano per assicurarsi che funzionino correttamente e verificherà l’instabilità delle articolazioni vicino alla frattura.

Radiografie
Le Rx forniscono immagini di strutture dense, come l’osso. Il medico può ordinare una o più radiografie per aiutare a identificare la posizione e l’estensione della frattura.

Trattamento
Trattamento non chirurgico
Se una frattura non si allinea in una posizione accettabile, spesso, il medico può riallineare i frammenti ossei manipolandoli delicatamente in posizione senza fare un’incisione. Questa procedura è chiamata riduzione chiusa. Un gesso, stecca o tutore può essere applicato per mantenere le ossa in un allineamento accettabile mentre guariscono.

Il medico probabilmente ordinerà una seconda serie di radiografie circa 1-2 settimane dopo. Questo viene fatto per garantire che le ossa stiano guarendo nella posizione corretta.

A seconda della posizione e della stabilità della frattura, potrebbe essere necessario indossare il tutore per 3-6 settimane. Gli esercizi riabilitativi manuali possono di solito iniziare dopo 3 settimane.

Trattamento chirurgico
Alcune fratture della mano richiedono un intervento chirurgico per riallineare e stabilizzare i frammenti di frattura. Ciò include fratture esposte in cui pezzi di osso hanno superato la pelle.

Il medico eseguirà un’incisione per aiutare a riposizionare i frammenti ossei nel loro normale allineamento. Piccoli dispositivi metallici, come fili, viti, e placche, possono essere utilizzati per mantenere in posizione i frammenti di osso fratturato.
Dopo l’intervento chirurgico, potrebbe essere necessario indossare una stecca o un tutore per un certo periodo di tempo al fine di proteggere la frattura.

Complicanze delle fratture della mano
Poiché alcune fratture richiedono un’immobilizzazione prolungata in una stecca, la mano e le dita potrebbero diventare rigide. Il medico o, in alcuni casi, un terapista occupazionale, un fisioterapista o un terapista della mano, forniranno esercizi specifici per aiutare a ridurre la rigidità e migliorare la funzione.

Anche dopo aver seguito attentamente le istruzioni terapeutiche dopo il trattamento della frattura, alcuni pazienti possono continuare ad avere difficoltà con la rigidità o una contrattura (perdita di movimento) nella mano. In questo caso, il medico può decidere di effettuare una procedura chirurgica per ripristinare il movimento e / o la funzionalità del dito. Le procedure comunemente utilizzate includono:

Rimozione chirurgica dei mezzi di sintesi
Tenolisi: liberare un tendine dal tessuto cicatriziale
Artrolisi: liberare il tessuto cicatriziale attorno all’articolazione interessata, inclusi i legamenti e / o la capsula articolare
In genere, queste procedure vengono utilizzate una volta che una frattura è guarita e non vi sono prove di progressi o miglioramenti nel ritorno della funzione al dito coinvolto


Dott. Gianluca Falcone medico chirurgo specialista in chirurgia di mano e polso Roma

Per prenotare una visita specialistica presso gli Studi di Roma, Avezzano (Abruzzo) e Reggio Calabria potete inviare una mail a info@dottgianlucafalcone.it oppure telefonare ai numeri riportati in “Contatti


TAG: intervento frattura metacarpo e falangi Roma, intervento frattura metacarpo e falangi Abruzzo, chirurgia della mano Roma, frattura metacarpo e falangi Gemelli Roma, frattura metacarpo e falangi Reggio Calabria