Rottura collaterale ulnare del pollice – Pollice dello sciatore

Un trauma sportivo comune descritto negli anni ’80 che è stato soprannominato “il pollice dello sciatore” perché gli sciatori che cercavano di prepararsi per una caduta erano soliti atterrare con le mani tese sulle prese del bastoncino da sci male progettate provocando così la lesione. Con il tempo, le impugnature polari sono migliorate, riducendo così l’incidenza di questo infortunio tra gli sciatori. Ma chiunque cada su una mano tesa è a rischio per questo infortunio al pollice. In questi giorni, anche gli snowboarder e gli appassionati di mountain bike sostengono questo infortunio. La chiave per evitare le lesioni del pollice di uno sciatore è di evitare di cadere sulla mano tesa.


dott-Gianluca-Falcone-medico-chirurgo-Roma

Dott. Gianluca Falcone

Specializzato in patologie e chirurgia di mano e polso Roma

LE CLINICHE IN CUI OPERO
Interventi erogati in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale.

 

Convenzioni con Compagnie di Assicurazione

 

Per un appuntamento presso gli Studi di Roma, Avezzano (Abruzzo) e Reggio Calabria:

Prenota una visita


Causa
Il pollice dello sciatore è causato dalla rottura del legamento collaterale ulnare (LCU) alla base del pollice. L’LCU supporta la base del pollice offrendo stabilità per la prensione. L’LCU collega il primo osso metacarpale alla falange prossimale alla base del pollice. Qualsiasi forza che allontani il pollice dalle altre dita potrebbe rompere questo importantissimo legamento stabilizzante. Uno sciatore che cade può atterrare tra il pollice e l’indice rompendo l’LCU mentre il bastoncino da sci allontana il pollice dall’indice. Allo stesso modo, un motociclista o uno snowboarder in caduta può colpire il terreno o la neve con la mano tesa, strappando l’UCL mentre il terreno o la neve costringono a divaricare il pollice e l’indice.

Indipendentemente dalla causa della lesione, l’LCU di solito si strappa dalla sua inserzione all’osso alla base del pollice. Quando ciò accade, si verifica un fenomeno unico chiamato lesione di Stener in cui il legamento viene allontanato dal suo normale sito di attacco da un tendine grande chiamato tendine adduttore. Poiché il legamento è stato completamente strappato e allontanato dalla sua normale posizione ancorata, non può guarire correttamente. Quando ciò si verifica, è necessario un intervento chirurgico per riportare il legamento nella sua normale posizione anatomica. In caso contrario, potrebbero verificarsi perdita permanente di stabilità del pollice e forza di presa. In alcuni casi, le lesioni al pollice dello sciatore possono essere solo lesioni parziali del legamento e spesso guariscono con successo con 4-6 settimane di immobilizzazione del pollice in un getto.

Segni e sintomi

I sintomi del pollice dello sciatore comprendono dolore, instabilità dell’articolazione metacarpo falangea (MCP) del pollice e una debole o assente forza nella prensione. La gravità dei sintomi è correlata all’estensione dello strappo iniziale dell’LCU o alla durata della lesione. I segni caratteristici delle lesioni acute includono l’udito di uno “stoc” quando si verifica la lesione, il dolore alla base del pollice, un forte gonfiore e livido attorno al pollice (eminenza tenar) e specialmente sopra l’articolazione del pollice. L’esame fisico del pollice dimostra l’instabilità dell’articolazione MCF del pollice rispetto al lato non lesionato, l’incapacità di opposizione del pollice e l’indebolimento della forza di presa.

Diagnosi
Spesso, la diagnosi di un legamento del pollice completo o parzialmente lesionato viene effettuata semplicemente esaminando il pollice. La tumefazione sopra l’LCU, la lassità del legamento rispetto all’altro pollice, la riduzione di forza, l’incapacità di opposizione del pollice, gonfiore e ecchimosi sono tutti segni dell’esame diagnostico della lesione del pollice di uno sciatore. Il clinico esperto può spesso fare la diagnosi differenziale tra una lesione parziale e completa. Tuttavia, in alcuni casi di una lesione completa, può essere difficile da dire perché l’aponeurosi del muscolo adduttore del pollice può essere intrappolata tra le ossa dell’articolazione MCP e il legamento lacerato, che può essere molto fuorviante e rendere l’articolazione apparentemente stabile all’esame clinico. Questo evento è chiamato lesione di Stener e quando si verifica, si verifica una guarigione inadeguata della lesione del legamento se non viene riparata. Una risonanza magnetica è estremamente utile nel determinare se c’è una lesione di Stener, così come la posizione dell’UCL strappato e può anche mostrare rotture parziali e danni alla cartilagine dell’articolazione MCP. Per la diagnosi si preferisce una risonanza magnetica a tutte le lesioni del pollice dello sciatore visualizzare il legamento.

Rottura collaterale ulnare del pollice_dott-gianluca-falcone

Fig. 1: Rottura completa dell’LCU con sfondamento dell’aponeurosi adduttoria (Stener)

Le radiografie vengono anche eseguite per escludere la possibilità di una frattura da avulsione della falange prossimale in cui l’LCU si inserisce nell’osso.

Rottura collaterale ulnare del pollice_dott-gianluca-falcone

Fig. 2: distacco osseo-legamentoso

Trattamento
L’UCL è un importante stabilizzatore del pollice e qualsiasi instabilità derivante dall’interruzione dell’UCL compromette profondamente la funzione complessiva della mano coinvolta. Per questo motivo, è fondamentale che le lesioni al pollice dello sciatore ricevano un’attenzione immediata e un trattamento adeguato. In caso contrario, grave artrosi del pollice, perdita di forza e di prensione sono possibili esiti negativi a lungo termine del pollice di uno sciatore non trattato.

L’approccio chirurgico consiste nella riparazione del legamento rotto riattaccandolo alla sua normale posizione anatomica alla base del pollice usando un’ancora ossea. Se c’è una frattura da avulsione, come nella radiografia di cui sopra, è necessario fissare il frammento per riparare la frattura, stabilizzando anche il legamento.

Rottura collaterale ulnare del pollice_dott-gianluca-falcone

Fig. 3: Riduzione e osteosintesi di frammento osseo con ancorato il LCU

Una volta ancorati all’osso, l’LCU è ora nella posizione corretta per guarire completamente nelle 12 settimane successive. Il legamento necessita di circa sei settimane di non movimento per guarire correttamente.

Viene utilizzata una doccia gessata per 7 gg e poi si posiziona un tutore su misura per il tempo rimanente.
A sei settimane dall’intervento, inizia un trattamento aggressivo di terapia della mano che include la kinesi attiva e passiva e un graduale ritorno alle attività della vita quotidiana, sollevamento pesi e presa. A 12 settimane dall’intervento, non ci sono restrizioni a stressare il pollice, ad esempio arrampicata su roccia e uso estremamente pesante.


TAG: Pollice dello sciatore, lesione di Stener